Vai ai contenuti
Vai al menu del sito

rss twitter youtube facebook livestream
webmail

torna su



Sei qui: HOME > In evidenza


“Metodo Hudolin”, a Monte Sant’Angelo un corso di sensibilizzazione dedicato ai problemi alcolcorrelati e al benessere della comunità

Bookmark and Share
Data: 02.04.2019

Dall’8 al 13 di aprile si terrà a Monte Sant’Angelo un “Corso di sensibilizzazione all’approccio ecologico-sociale ai problemi alcolcorrelati e complessi e al benessere della comunità (metodo Hudolin)”. Al corso gratuito, aperto ad un numero massimo di 70 partecipanti, possono iscriversi tutti gli interessati ed è particolarmente indicato per figure professionali come medici, psicologi, sociologi, infermieri, educatori professionali, assistenti sociali, sacerdoti o ecclesiastici, il corso è promosso dall’Associazione regionale dei club alcologici territoriali Puglia (ARCAT), dall’Associazione Provinciale Club Alcologici Territoriali (APCAT) Foggia, dall’Assessorato al welfare della Città di Monte Sant’Angelo e dall’Istituto superiore “Gian Tommaso Giordani”. Lunedì 8 alle ore 9 l’inaugurazione nell’Aula magna dell’Istituto Superiore “Giordani”. Per info e iscrizioni: apcatfg@libero.it o 3284516866. Al termine sarà rilasciato un attestato.

 

“Abbiamo fortemente voluto promuovere questo corso che darà la possibilità a dei corsisti di seguire lo svolgimento della settimana ed affrontare i temi legati al consumo di alcol e agli altri ed innumerevoli comportamenti non salutari, come il gioco d’azzardo, l’uso di droghe illegali, l’uso non terapeutico di psicofarmaci, le nuove addiction, come l’eccessivo legame con i telefonini, i tablet, i computer, i social, per esempio” - spiega l’Assessore alle Politiche sociali della Città di Monte Sant’Angelo, Agnese Rinaldi, che aggiunge - “Attraverso una metodologia ormai ampiamente collaudata e diffusa, l’approccio ecologico sociale, questi problemi si possono comprendere ed affrontare brillantemente”.

 

Per Giovanni Aquilino, Presidente ARCAT Puglia e referente del Centro di pedagogia delle Scienze della Salute dell’Università degli Studi di Foggia – “I problemi connessi al consumo di alcol, sia medici che sociali, sia personali che familiari, sono in continuo mutamento e la loro complessità impone l’attivazione di risorse e programmi d’azione in grado di farvi fronte. Stesso dicasi per tutti i comportamenti legati all’addiction (gioco d’azzardo, uso dei social, etc…) e per gli stili di vita non salutari nell’intento di avviare azioni e scelte coerenti atte a promuovere una nuova cultura sociale e sanitaria volta alla promozione della salute personale e della intera comunità”.

 

Inoltre, aggiunge Aquilino - “Il metodo Hudolin attraverso un pratica settimanale (il club) dà la possibilità di fronteggiare le difficoltà e le fragilità di persone e famiglie, le quali attraverso un percorso semplice ed estremamente praticabile mobilitano le risorse di ognuno e di tutti per trovare soluzioni di cambiamento e migliorare la propria vita”.

 

Lunedì 8 aprile, alle ore 9, nell’Aula magna dell’Istituto Superiore “Giordani”, l’inaugurazione: dopo i saluti di Pierpaolo d’Arienzo (Sindaco della Città di Monte Sant’Angelo) e di Francesco di Palma (Dirigente I.I.S.S. “Gian Tommaso Giordani”), gli interventi di Agnese Rinaldi (Assessore al Welfare della Città di Monte Sant’Angelo), Michele Grossi (Direttore Centro Diurno “Alda Merini” di Manfredonia), Michela Dicembrino (Club Alcologico Territoriale (CAT) “V. Hudolin” di Manfredonia) e Giovanni Aquilino (Presidente ARCAT Puglia - Centro di pedagogia delle Scienze della Salute dell’UNIFG).

 

Il corso - promosso da ARCAT Puglia, APCAT Foggia, Comune e Istituto Superiore - vede la collaborazione del Centro diurno “Alda Merini” di Manfredonia, dell’Associazione “Genoveffa De Troia” di Monte Sant’Angelo, della sezione Appulo-Lucana della “Società Italiana di Alcologia”, nonché del “Centro di Pedagogia delle Scienze della Salute” della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Foggia.

 

“La settimana, che vede l’adesione di strutture ed associazioni che si occupano anche di salute mentale, pone tra i temi trattati le tecniche del “fareassieme”, un campo nel quale da qualche anno si stanno sperimentando percorsi di elaborazione combinata sia dei saperi scientifici che di quelli altro e tanto importanti che ineriscono ai saperi esperienziali” – spiegano ancora gli organizzatori.

 

Per info e iscrizioni: apcatfg@libero.it o 3284516866. www.montesantangelo.it

 

 

torna su