Vai ai contenuti
Vai al menu del sito

rss twitter youtube facebook livestream
webmail

torna su



Sei qui: HOME > In evidenza

Manifestazioni
Le anteprime del Festival “Michael”: domenica 29 aprile “patto di collaborazione della rete dei centri micaelici” e domenica 30 Sergio Cammariere

Bookmark and Share
Data: 28.04.2018

Dal 4 al 12 maggio, a Monte Sant’Angelo, si terrà la prima edizione di “Michael. Festival del patrimonio culturale, spirituale, naturale, enogastronomico”. Due le anteprime in programma: domenica 29 aprile, alle ore 11, nella sala conferenze della Biblioteca “C. Angelillis”, “La rete dei centri micaelici”, un patto di collaborazione tra Monte Sant’Angelo, Olevano sul Tusciano, Sant’Angelo a Fasanella, Putignano, Cagnano Varano e Orsara di Puglia; lunedì 30 aprile, per l’International Jazz Day, alle ore 20.30, nell’Auditorium “Markiewicz” del Santuario di San Michele Arcangelo, si terrà il concerto in piano solo di Sergio Cammariere [Biglietti € 5. Info: Lo Scarabocchio (0884 562299), Hermestudio (0884 090316)]. Il programma completo del Festival: http://www.montesantangelo.it/files/file/michael/michael_2018_programma(1).pdf

 

Saranno due le anteprime che anticipano “Michael. Festival del patrimonio culturale, spirituale, naturale, enogastronomico” che si terrà da venerdì 4 a sabato 12 maggio, a Monte Sant’Angelo, in Puglia.

 

Domenica 29 aprile, alle ore 11, nella Sala conferenze della Biblioteca “C. Angelillis”, “La rete dei centri micaelici”, il patto di collaborazione tra i comuni di Monte Sant’Angelo, Olevano sul Tusciano, Sant’Angelo a Fasanella, Putignano, Cagnano Varano, Orsara di Puglia.

“I sacri luoghi dell’Arcangelo Michele. Patto di collaborazione tra i centri micaelici” è un progetto promosso dal Centro Culturale Studi Storici “Il Saggio” di Olevano sul Tusciano, dall'Associazione Monte Sant'Angelo Francigena, dal Centro di Studi Micaelici e Garganici – Dipartimento di Studi Classici e Cristiani dell’Università degli Studi di Bari patrocinato dal Parco Nazionale del Gargano.

 

Lunedì 30 aprile, invece, alle ore 20.30, nell’Auditorium “Markiewicz” del Santuario, per celebrare l’International Jazz Day proclamato dall’UNESCO, si terrà il concerto in piano solo di Sergio Cammariere [Biglietti € 5. Info: Lo Scarabocchio (0884 562299), Hermestudio (0884 090316)].

 

“È un momento di importante promozione per Monte Sant’Angelo con la prima edizione del festival Michael che con le due anteprime godrà di un’apertura in grande stile, in linea con l’intero programma.” - dichiara Rosa Palomba, Assessore alla cultura e al turismo di Monte Sant’Angelo, che prosegue - “Da una lato la rete con i centri micaelici più importanti, nello spirito di avviare una progettazione comune di promozione dei nostri territori; dall’altro, un grande evento, il concerto in piano solo di un grandissimo musicista, Sergio Cammariere, per celebrare l’International Jazz Day promosso dall’UNESCO. Monte Sant’Angelo deve aprirsi al mondo, crediamo fortemente nelle reti che con Michael stiamo costruendo. Una strada che la Regione Puglia, i Padri Micheliti, il Parco Nazionale del Gargano, l’Università degli Studi di Bari, l’Enit, la Cei, Pugliapromozione e un partenariato ampio e prestigioso sta condividendo con noi. Vogliamo investire bene e tanto sul nostro patrimonio culturale, spirituale, naturale ed enogastronomico per promuovere in sinergia e a livello nazionale ed internazionale la Città dei due siti Unesco. Ringrazio le associazioni e tutti i partner per la preziosa ed instancabile collaborazione”.

 

SERGIO CAMMARIERE _ Musicista, compositore e interprete di rara e raffinata intensità espressiva, ha nella sua anima l’eco delle note dei grandi maestri del jazz, i ritmi latini e sudamericani, la musica classica e lo stile della grande scuola cantautoriale italiana. E soprattutto, una innata predisposizione per la composizione musicale e l’improvvisazione.

Vincitore di numerosi premi tra cui il premio IMAIE come “Migliore Musicista e Interprete” della Rassegna dedicata a Luigi Tenco, con voto unanime della Giuria.

La partecipazione al Festival di Sanremo nel 2003 con “Tutto quello che un uomo”, con la collaborazione di Roberto Kunstler per il testo, gli regala il terzo posto oltre al “Premio della Critica”, il Premio “Migliore Composizione Musicale” e due Dischi di Platino.

Nel 2003 riceve numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio L’isola che non c’era come “Miglior Disco d’esordio” e il Premio Carosone. Vince il Referendum di Musica e Dischi come Miglior Artista Emergente e la prestigiosa “Targa Tenco” 2002 per la “Migliore Opera prima”.

Autore di numerose composizioni per il cinema e il teatro. Celebri i duetti e collaborazioni con Fabrizio Bosso, Gino Paoli, Chiara Civello, Roberto Kunstler, Pasquale Panella, Samuele Bersani e tanti altri.

Trai i suoi brani più conosciuti “Tutto quello che un uomo”, “Dalla pace del mare lontano”, “L’amore non si spiega”, “Mano nella mano”, “Sorella mia”, “E mi troverai”, “Via da questo mare”, “Nessuna è come te”, “Estate”.

 

 

 

 

torna su